Sommario

 

Prossimi eventi

 

Carlo Consiglio

Libri di Carlo Consiglio

Sull'uomo

Sugli animali non umani

Sull'universo

Letture consigliate

Petizioni

Varie

 

 

Benvenuti nel sito di Carlo Consiglio

Questo sito contiene notizie su Carlo Consiglio, 
sulle sue attività, pubblicazioni, appelli e proposte.

Buona lettura!

La coscienza non richiede l'esistenza dell'anima

«La coscienza può essere considerata come una nuova proprietà che scaturisce dal funzionamento in comune di una serie di aree cerebrali specifiche dell’enorme rete di cellule nervose presenti nella nostra testa. Le diverse cellule nervose e aree cerebrali svolgono ognuna funzioni diverse, ma poiché sono collegate da connessioni funzionali assumono una nuova funzione “emergente”.

Vi sono molti esempi di proprietà emergenti. Ad esempio, conosciamo l’idrogeno e l’ossigeno in quanto gas. Quando queste molecole stabiliscono un legame si produce una sostanza dotata di proprietà completamente diverse, l’acqua. Cosa sia esattamente necessario dal punto di vista neurobiologico affinché dall’attività delle cellule nervose sorga questa nuova proprietà, la coscienza, è un argomento di cui si occupano molti ricercatori.

Il professor Victor Lamme, uno studioso di Amsterdam, cerca di spiegare il concetto di “coscienza” a partire dal funzionamento del neurone. La sua ipotesi è che, affinché sorga la coscienza, i neuroni della corteccia prefrontale e parietale devono rinviare informazioni alla corteccia cerebrale, cosa che fanno, tra  l’altro, attraverso il talamo. Questa elaborazione ricorrente si estende dalle aree sensoriali a quelle motorie. L’attenzione selettiva essenziale per la coscienza si manifesterebbe grazie al fatto che solo alcuni oggetti della scena vengono sottoposti all’elaborazione ricorrente. Ciò fa sì che possiamo render conto degli stimoli che ricevono la nostra attenzione, mentre non siamo coscienti del resto. Non c’è alcun motivo per ritenere che questi meccanismi di base, come l’elaborazione ricorrente e l’attenzione, non siano presenti, pur in misura diversa, in tutti gli animali.»1

E così, secondo il Prof. Dick Swaab, docente di Neurobiologia all’Università di Amsterdam, la coscienza (di sé e dell’ambiente), questa nostra capacità che tanto ci inorgoglisce, sarebbe una “proprietà emergente” che è comparsa nell’evoluzione a seguito dell’aggregazione di molte cellule nervose. La coscienza sarebbe quindi presente anche in molti animali non umani, e sarebbe una proprietà della materia con un certo livello di organizzazione, senza alcun bisogno di ipotizzare l’esistenza di un’ “anima”.

   1) Swaab D. 2010. Wij zijn ons brein. Van baarmoeder tot Alzheimer. Uitgeverij Contact, Amsterdam.

Traduzione italiana:

Noi siamo il nostro cervello, Come pensiamo, soffriamo e amiamo

 

Per informazioni

info@carloconsiglio.it